Itinerario 3

Torre di Nanno

Torre di Nanno

Partendo sempre da piazza della Repubblica ci incamminiamo per quello che una volta era C.so Matteotti, una via che prima del sisma del 23.11.1980 era il fulcro della vita calitrana; costellata di abitazione e di botteghe, in un certo senso collegava la parte vecchia del paese con la parte nuova. Oggi dai ruderi delle case distrutte dal sisma è venuta alla luce una torre dal basamento troncoconico facente parte della cinta muraria dell'antico castello. Vicino alla torre si apriva la cosidetta "Porta di Nanno", uno degli accessi al borgo medievale di Calitri. La torre è stata successivamente restaurata.

Continuando, sulla sinistra troviamo palazzo Tozzoli. Di fronte possiamo vedere il Monumento ai Caduti in guerra circondato dagli alberi dei giardini pubblici. Giungiamo così innanzi alla Chiesa Madre di San Canio, interamente ricostruita dopo il terremoto del 1980. Nella chiesa troviamo l'altare maggiore in marmo intarsiato del XVIII secolo e alcuni dipinti risalenti al XVIII secolo. Uno di questi raffigura "l'Apoteosi di San Canio".
L'antica chiesa madre si trovava vicino al Monastero delle Benedettine; seriamente danneggiata dal terremoto del 1694, fu ricostruita nello stesso posto ma a causa della frana fu abbattuta nel 1883 e riedificata dove oggi la vediamo.

Proseguendo svoltiamo a sinistra vicino all'Istituto Suore Gesù Redentore, un tempo sito dell'antica chiesa di S. Michele, e giungiamo così alla "Strada r'Pier" (via F. De Sanctis) che ci porta fino a via San Vito e da qui alla chiesa dell'Immacolata Concezione, costruita nel '700 e poi ricostruita dopo il sisma del 1980. Salendo per via Concezione ci incamminiamo per via Alfonso Gesualdo, famoso cardinale nato a Calitri il 20.10.1540 e sepolto nella navata sinistra del duomo di Napoli, fu uno dei più importanti arcivescovi napoletani.

Da via Gesualdo, dove si susseguono cortili all'aperto innanzi alle abitazioni con i caratteristici muretti di sostegno, i "gafij", giungiamo a via Fontana, strada che conduceva alla fontana pubblica costruita nel 1733 ai piedi di colle San Biagio. Risalendo via Fontana, dopo essere passati sotto alcuni caratteristici archetti che fungono da "ponte" d'ingresso ad alcune abitazioni, al termine di un angusto vicoletto, ci troviamo in via Faenzari.

In via Faenzari un tempo si trovavano le botteghe degli artigiani ceramisti, discendenti dei primi ceramisti provenienti, così vuole la tradizione, da Faenza, che nei secoli hanno resa famosa Calitri. Troviamo poi la chiesa dedicata a Sant'Antonio di Padova costruita nel '600, al suo interno è custodito un quadro raffigurante il Santo. Dalla chiesa di Sant'Antonio ci spostiamo nella vicina chiesa di San Bernardino, dove possiamo ammirare il bel portale in pietra risalente al '700. Vicino alla chiesa hanno inizio le scale che salendo per il Calvario ci portano fino all'omonima chiesetta, meta della processione del venerdì Santo.

Palazzo Tozzoli

Palazzo Tozzoli

Monumento ai Caduti

Monumento ai caduti

Chiesa di San Canio

Chiesa di San Canio

Chiesa Immacolata Concezione

Chiesa Immacolata Concezione

Via Fontana

Via Fontana

Via Alfonso Gesualdo

Via Alfonso Gesualdo

Via Faenzari

Via Faenzari

Associazione Proloco Calitri

Associazione di volontariato da sempre al servizio dei cittadini per promuovere attività culturali e turistiche locali, in particolare sul territorio del Comune di Calitri.

Contattaci

Proloco Calitri

Cod. Fisc./P. Iva 00612320648

Via: campo sportivo n. 32
83045 Calitri (AV)

Tel. 082738058
cel. 3293592155
cel. 3474750089

mail: prolococalitri@virgilio.it
mail: info@prolococalitri.it
Policy Privacy